Cronaca

Tullio De Piscopo e il cancro al fegato: "Mi dissero che avevo sei mesi di vita. Ho pensato all'eutanasia"

"Pino Daniele mi ha regalato un rosario mi disse vedrai che ti aiuterà. Poi la Madonna ha fatto ‘o miracolo” 

Tullio De Piscopo, nel corso della puntata odierna di Storie Italiane su Rai 1, ha parlato del cancro al fegato che lo ha colpito nel 2012.

 “Non volevo dare fastidio a nessuno, per questo avevo deciso di non dire niente a nessuno. Il cancro al fegato è stato una bella botta. Ma dopo è arrivata la voglia di combattere. Non ero pronto a morire. Mi dissero che avevo sei mesi di vita. Ero con Giusy il giorno della diagnosi: tumore maligno dei più brutti e dei più rari. Decisi di andare in Svizzera per preparami a morire con l’eutanasia. Non volevo cure. Dopo, capii di non essere pronto. Come rinunciare alla gioia dei miei nipoti? Pino Daniele mi ha regalato un rosario mi disse vedrai che ti aiuterà… Non ti disperare. Sono molto legato a lui perché con quella visita in ospedale mi ha salvato, assieme alla musica e ai miei nipotini. La Madonna ha fatto ‘o miracolo” 

Segnato dalla morte del fratello

"Il dolore più grande è stata la morte di Romeo, il mio fratello più grande. Il 27 agosto del 1957 arrivo a casa e mio fratello si preparava per andare a suonare. E' uscito e non è più tornato, si è accasciato sulla batteria. Non si sa perchè. Tutto quello che ho fatto nella mia vita l’ho fatto per lui.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tullio De Piscopo e il cancro al fegato: "Mi dissero che avevo sei mesi di vita. Ho pensato all'eutanasia"

NapoliToday è in caricamento