Truffe agli anziani: maxi operazione dei Carabinieri tra Napoli, Milano e la Spagna

Quattordici tra i 51 indagati sono accusati di aver favorito il clan "Contini"

Dalle prime ore di oggi nelle provincie di Napoli, Milano, su tutto il territorio nazionale ed in Spagna, è in corso una vasta operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Milano che stanno dando esecuzione a due provvedimenti cautelari emessi dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, nei confronti di 51 persone.

Gli indagati sono ritenuti, a vario titolo, responsabili del reato di associazione per delinquere, finalizzata alla commissione di più delitti di truffa aggravata in danno di persone anziane, con l’aggravante per 14 di loro dell’art. 416 bis 1 c.p., ovvero della finalità di favorire il clan camorristico “Contini”, operante nel territorio dell’area metropolitana di Napoli, e in particolare nei quartieri Vasto, Arenaccia, San Giovannello e Borgo Sant’Antonio Abate, e con l’aggravante per 17 di loro della transnazionalità.

 "Parole di apprezzamento e gratitudine" sono state espresse dal sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo per l'operazione dei Carabinieri. "Colpire le categorie più deboli e indifese, come gli anziani, è ancora più da vigliacchi", ha commentato Tofalo. "Grazie all'Arma dei Carabinieri". 

All’operazione partecipano anche i Carabinieri di Bergamo e la Squadra Mobile di Genova, che si sono occupati di alcuni singoli episodi di truffa.

ULTERIORI DETTAGLI SU MILANOTODAY

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento forte e temporali in arrivo sulla Campania: nuova allerta meteo

  • Venti forti e temporali su Napoli e provincia, prorogata l'allerta meteo

  • Allerta meteo e scuole chiuse: le ragioni e le possibili soluzioni

  • Cinzia Paglini è tornata a casa: lieto fine per l'artista napoletana

  • Allerta meteo per forte vento, scuole chiuse a Napoli il 12 novembre

  • Maltempo, via Imbriani chiusa: crolla un cornicione

Torna su
NapoliToday è in caricamento