Fuga in tangenziale: truffatore sequestra una donna e scappa inseguito dalla polizia

L'uomo, già scoperto in un recente servizio da “Striscia la notizia”, in cambio di denaro prometteva alle ignare vittime assunzioni lavorative

Luca Abete

I poliziotti hanno arrestato un 44enne napoletano, per essersi reso responsabile del reato di truffa, sequestro di persona e resistenza a pubblico ufficiale.

L'uomo, già scoperto in un recente servizio da “Striscia la notizia”, in cambio di denaro prometteva alle ignare vittime assunzioni lavorative.

Le vittime della truffa riconoscendolo in tv si sono rivolte alla polizia, denunciando l’accaduto.

Il malvivente però è caduto nella rete degli inquirenti che con la complicità di una donna, alla quale l'uomo aveva chiesto 10mila euro.

La donna, d’accordo con i poliziotti,  ha concordato con l’uomo un appuntamento per consegnargli altri 250 euro, che sarebbero serviti al 44enne per recarsi verosimilmente in un’altra città per recuperare i 10.000 euro che “a suo dire” avrebbe poi restituito alla vittima.

Fissato l’appuntamento nei pressi dell’aeroporto di Capodichino, la donna è giunta sul posto a bordo della sua auto mentre i poliziotti in appostamento, hanno atteso il momento per intervenire e bloccarlo. La vittima è scesa dall'auto, ha portato con sé la somma di 250 euro, è salita nella vettura del truffatore e gli ha consegnato il denaro. Immediatamente gli agenti alla guida di una delle due “auto civetta” si sono avvicinati a questi che è partito a tutta velocità tentando di speronare l’auto dei poliziotti e, con la vittima ancora a bordo, ha imboccato la tangenziale in direzione Fuorigrotta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo un folle inseguimento durante il quale, una poliziotta è riuscita a rimanere telefonicamente in contatto con la vittima, agitata e impaurita per le minacce del 44enne che continuava ad urlare, “Adesso tu muori insieme a me”, gli agenti hanno bloccato il truffatore nei pressi della galleria di Capodimonte dove lo stesso, dopo aver tentato di speronare nuovamente le due auto della Polizia ed i due poliziotti a bordo di moto, ha concluso la corsa urtando contro il guard-rail. Gli agenti, hanno quindi raggiunto l’uomo bloccandolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento