menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, rientri dal Nord: controlli per tutti i passeggeri a Napoli

Test rapidi per chi ha 37,5. Due treni a rischio il 4 maggio da Milano e Torino. Controlli anche in aeroporto

La città si prepara ad accogliere dal 4 maggio i treni provenienti dal Centro-Nord con centinaia residenti fuori regione, ma con domicilio a Napoli. Le Ferrovie dello Stato hanno predisposto un lungo percorso obbligato per i passeggeri, delineato dai nastri, per coloro che scenderanno in stazione. Ai passeggeri sarà misurata la temperatura corporea, acquisiti i loro dati e se avranno più di 37,5 gradi verranno obbligati ad eseguire il test rapido per individuare l'eventuale positività al Covid-19.

Treni in arrivo il 4 maggio

Nella prima giornata della fase 2, il 4 maggio, quella in cui si può tornare ai proprio domicili, saranno due i treni a "rischio": il Frecciarossa in arrivo alle 13.06 da Milano con 373 passeggeri prenotati e quello in arrivo alle 16,35 da Torino con 420 prenotazioni. Attenzione alta anche per gli interregionali che arrivano dal Sud o gli alta velocità in arrivo da Roma. Tutti i viaggiatori verranno indirizzati vicino al binario 8 dove l'Asl Napoli 1 centro ha allestito una postazione per eseguire, nell'eventualità di febbre, il test rapido. Coloro che presenteranno sintomi inequivocabili saranno portati in ospedale. I controlli saranno effettuati in sinergia da Asl Napoli 1, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Esercito Italiano, l'apparato di sicurezza di Grandi Stazioni, la Protezione Civile regionale. Controlli anche nell'aeroporto di Capodichino. In arrivo, invece, nel porto un traghetto dalla Sardegna mercoledì.

"Non andrà come l'8 marzo"

"La Campania è pronta, le indicazioni nell'ordinanza sono chiare e nella Stazione Centrale abbiamo svolto oggi una prova generale per l'accoglienza di domani". Sono le parole di Ciro Verdoliva, direttore generale dell'Asl Napoli 1, in vista dell'arrivo dei treni dal Nord. "Il punto di rilevo delle temperature - spiega Verdoliva è stato attrezzato e ci saranno medici esperti dell'Asl - i viaggiatori che hanno più di 37,5 verranno dirottati all'ufficio che abbiamo allestito per il test rapido, poi il viaggiatore potrà prendere la sua strada dopo averci dato i suoi dati con cui potremo rintracciarlo, dargli l'esito del test e in caso di positività avviarlo al tampone. In quel caso sarà anche sottoposto a vigilanza attiva domiciliare da parte del servizio dell'Asl competente".

"L'esperienza ti insegna cose importanti. Le temperature verranno misurate anche a monte come ci hanno assicurato da Milano e quindi abbiamo la speranza che non accada quello che accaduto l'8 marzo, cioé un arrivo senza controllo. I controlli ci saranno anche anche in autostrada, in aeroporto, sulle navi in arrivo. Noi abbiamo scelto la stazione per la prova generale perché è un punto nevralgico, conosciamo esattamente i treni in arrivo domani e il numero dei passeggeri a bordo, le stazioni intermedie sono chiuse e quindi ci sentiamo pronti. Siamo sicuri di poter accogliere chi torna in Campania assicurando un buon servizio sanitario e soprattutto dando la serenità di arrivare in una regione organizzata per far fronte al Covid-19", conclude Verdoliva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, de Magistris sul contagio: "Zona rossa sempre più verosimile"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento