Traffico illecito di rifiuti, l'operazione "Black Bag"

Sotto inchiesta quattro imprenditori del settore. Perquisizioni personali e domiciliari tra provincia di Napoli, basso Lazio e Aquilano

Immagine d'archivio

L'operazione - di nome "Black Bag" - ha avuto luogo in provincia di Napoli, nel basso Lazio e nell'Aquilano: la Direzione distrettuale antimafia dell'Aquila ha stroncato un presunto traffico di rifiuti.

Perquisizioni, sequestri, sotto inchiesta quattro imprenditori del settore. In particolare, sono stati sequestrati alcuni siti e rifiuti riconducibili ad attività di presunta gestione illecita a carico di due di questi.

A condurre le indagini sono stati i carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) di L'Aquila.

Dalle sei del mattino di ieri hanno preso parte alle operazioni 50 uomini appartenenti ad 11 stazioni, con la collaborazione del NIPAAF di Napoli. I militari, nell'ambito di 16 perquisizioni personali e domiciliari, hanno sequestrato migliaia di atti contabili, formulari, documenti di trasporto, fatture, falsi certificati di analisi, computer, materiale informatico vario e cellulari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

  • L'Amica Geniale 2, le anticipazioni sugli episodi 3 e 4

  • Coronavirus, è epidemia sulla Diamond Princess: tornano a casa i campani a bordo

Torna su
NapoliToday è in caricamento