Movida a Bagnoli, inferno di traffico e parcheggiatori: la denuncia

Attraverso un video il Comitato vivibilità cittadina chiede alle istituzioni di intervenire sulla situazione di via Coroglio

"Nell'ordine: Salvini, Prefetto, Questore e Sindaco dove sono?". Inizia così il post social del "Comitato vivibilità cittadina" che denuncia una serata da incubo per residenti ed automobilisti nel quartiere di Bagnoli.

Tantissime – come dimostra il video a corredo del post – le auto incolonnate, ieri, tra via Coroglio, via Diocleziano e via di Pozzuoli. "Ecco cosa accade quando si accresce senza alcuna programmazione il carico urbanistico autorizzando ben sette discoteche su un lungomare che tra l'altro dovrebbe essere adibito a sola attività elioterapica".

"A Coroglio – va avanti il comitato – in questo momento (intorno alle 22 del 25 aprile, ndR) c'è il festival del patrcheggio abusivo e della camorra che incassa migliaia di euro nella completa indifferenza delle istituzioni ed a rischio e pericolo degli abitanti costretti a vivere in un inferno, dove non passano neppure i mezzi di soccorso né di emergenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

Torna su
NapoliToday è in caricamento