menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Totò, la tomba non è a rischio: l’assessore risponde alle accuse

La figlia Liliana: "Intervenite subito, evitate che i nostri morti subiscano questo tormento”. Ma l'Assessore ai Cimiteri Giacomelli sottolinea: “Nessun abbandono e nessuna incuria”

L’allarme è partito poche ore fa: a rischio il cimitero di Santa Maria del Pianto a Poggio, comprese le cappelle dell'area dove è sepolto Totò. E sul quotidiano Il Mattino, l’appello della figlia Liliana: "Intervenite subito, bloccate la frana, evitate che i nostri morti subiscano questo tormento".
Tra strade spaccate a metà  e lastre di marmo che si staccano dalle tombe e dai loculi, giunge però  puntuale la risposta dell'Assessore ai Cimiteri Paolo Giacomelli che, proprio questa mattina, ha effettuato un sopralluogo al Cimitero in questione.

La sua versione? Non certo così pessimista. “Nessun abbandono e nessuna incuria, l'area interessata è stata immediatamente messa in sicurezza già a novembre dello scorso anno, quando si è verificato il dissesto. Inoltre, tale area è lontana più di 500 metri dal monumento al Principe della risata”.
Nell’inverno scorso, infatti, una frana aveva prodotto danni vari al cimitero, tanto da richiedersi un immediato intervento compresa una canalizzazione delle acque meteoriche, la causa principale del franamento del terreno.

L’assessore, dunque, non ci sta alle accuse. “La situazione è assolutamente sotto controllo, lo stato dei luoghi è continuamente monitorato e non è stato segnalato alcun ulteriore  smottamento del terreno o cedimento di manufatti”. E riferendosi alla stampa, “dispiace molto che per fare un titolo di giornale si è drammatizzata una situazione e coinvolta la Sig.ra Liliana De Curtis”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento