rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Covid, è boom di terze dosi. Lunghe file anche alle Asl: intervengono i carabinieri

L'Asl Napoli 1 Centro valuta l'apertura dei centri vaccinali locali anche nei weekend per decongestionare i due hub aperti in città

La campagna vaccinale anti-Covid in Campania sta tornando ai fasti di qualche mese fa, ma l'attuale offerta di vaccini sembra non riuscire a reggere l'urto del numero di persone che si sta presentando.

Che sia l'effetto green pass o la paura della quarta ondata, sono moltissime le persone che stanno in questi giorni andando a vaccinarsi, per la prima dose o per – come la stragrande maggioranza dei casi – il cosiddetto "booster", la terza dose.

Il risultato però, con aperti a Napoli soltanto gli hub di Capodimonte e della Mostra d'Oltremare (particolarmente congestionati), sono file lunghissime alle Asl, gli altri mini centri vaccinali a disposizione dell'utenza – insieme ad alcune farmacie e ad alcuni medici di base. Come riportato dal Mattino, ieri è anche scoppiata qualche protesta meno tranquilla al distretto Asl 24 (I Municipalità) dove sono dovuti intervenire i carabinieri. I militari si sono trattenuti sul posto e hanno assicurato l’ordine pubblico.

Ciro Verdoliva, direttore dell'Asl Napoli 1 Centro, a proposito di quanto accaduto a Corso Vittorio Emanuele ha sottolineato che i ritardi (è stato segnalato anche uno stop di un'ora intera) sono stati causati da un problema avuto da un dipendente del distretto "rimasto bloccato nel traffico". I vaccini ci sono quindi, nessun problema di scorte.

Qualcosa andrà sicuramente fatto, ma non è in programma una prenotazione agli accessi come prima dell'estate. Piuttosto, è possibile i distretti Asl vengano aperti anche nel fine settimana.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, è boom di terze dosi. Lunghe file anche alle Asl: intervengono i carabinieri

NapoliToday è in caricamento