rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cronaca

Nuova scossa di terremoto nei Campi Flegrei: la terra torna a tremare

Il sisma è stato preceduto da un boato. Individuato l'epicentro dall'Ingv

Un terremoto di magnitudo 2.9 è avvenuto nella zona: Campi Flegrei intorno alle 4.28 del mattino del 12 settembre, con coordinate geografiche (lat, lon) 40.8280, 14.1410 ad una profondità di 2 km. Il terremoto è stato localizzato da: Sala Operativa INGV-OV (Napoli). Nonostante l'ora è stato avvertito nitidamente soprattutto dai residenti dei quartieri limitrofi all'epicentro, ma non solo.

Pochi giorni fa un sisma di magnitudo 3.8 era stato il più forte degli ultimi 20 anni nell'area flegrea.

Bradisismo

 E' dal 2006 che si registra una ripresa dell'attività bradisismica. Il ritmo è, di certo, lontano da quello della grande crisi dell'inizio degli anni '80, ma i ricercatori sono concordi nell'affermare che nell'ultimo anno e mezzo è cresciuto sensibilmente. Secondo Giuseppe Mastrolorenzo, primo ricercatore dell'Osservatorio vesuviano, il Rione Terra si è sollevato, dal 2006 a oggi, di oltre un metro. 

La domanda che tutti si pongono è se ci si debba preoccupare e se, a oggi, saremmo pronti di fronte a un episodio vulcanico di grosse dimensioni. Su questo, i pareri sembrano discordi. Da un lato, abbiamo le rassicurazioni dei rappresentanti istituzionali. Comuni, Città metropolitana, Regione, Protezione civile e Governo rassicurano la popolazione: non ci sono pericoli imminenti e, nel caso, i piani di prevenzione ed evacuazione sono pronti. Esistono, però, voci discordanti, che gettano ombre sulla possibilità di prevedere per tempo un'eruzione e sulla bontà dei piani. 

Prevedere un'eruzione

Gli esperti hanno lanciato diversi allarmi. Secondo Stefano Carlino, ricercatore dell'Ingv-Osservatorio vesuviano "...Uno dei problemi più significativi riguarda che cosa si celi "al di sotto" di queste spinte, se gas, vapore acqueo o anche magma in risalita. La mia interpretazione di quanto sta accadendo - chiarisce Carlino - è che è probabile che piccole quantità di magma siano arrivate nel sistema magmatico più superficiale, cioè quello localizzato a 3-4 chilometri dalla superficie, che è poi il sistema che determina il sollevamento. E c'è sicuramente anche un contributo idrotermale rilevante, fluidi ad alta pressione e temperature che probabilmente contribuiscono in maniera significativa al sollevamento. Non possiamo comunque dire con certezza quale sia la sorgente primaria di questo sollevamento, data l'ambiguità delle soluzioni che provengono dall'elaborazione dei dati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova scossa di terremoto nei Campi Flegrei: la terra torna a tremare

NapoliToday è in caricamento