menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto a Ischia: la gente si è riversata in strada per ore

"Cosa sarebbe successo se fosse stata una scossa più forte? Servono subito i piani di emergenza ed evacuazione", denuncia il Consigliere Regionale, Borrelli

Grande paura a Casamicciola per le due scosse di terremoto, la prima di magnitudo 1.4 e una seconda in rapida successione di 2.3, che si sono verificate tra Lacco Ameno e Casamicciola, a Ischia, alle 20,12 del 31 agosto.

 L'epicentro del sisma è stato localizzato nell'isola di Ischia, con coordinate geografiche 40.74 e 13.91, a una profondità di 2 km.

GENTE IN STRADA - "E’ stata una piccola scossa, che però si è sentita distintamente e la gente è andata nel panico ed è rimasta in strada per ore. Cosa sarebbe successo se fosse stata una scossa più forte? Servono subito i piani di emergenza ed evacuazione, che chiediamo da anni nel silenzio della Protezione civile che continua a sottovalutare i rischi che corrono gli ischitani e le migliaia di turisti che frequentano l’isola”.  Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale, “Le drammatiche immagini che arrivano da Amatrice e dagli altri centri colpiti dal terremoto dovrebbero spingere a non sottovalutare rischi, come è stato fatto finora”. 

BOATO - L'evento sismico è stato confermato anche dal prof. De Natale dell'Osservatorio Vesuviano di Napoli. "Abbiamo sentito prima un forte boato ed a seguire la terra è tremata", ha raccontato il comandante della Polizia Municipale di Lacco Ameno, capitano Raffaele Monti. "Subito dopo una seconda scossa che ha fatto tremare l'abitazione".

ischia terremoto-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento