rotate-mobile
Cronaca Casamicciola terme

Terremoto a Ischia, via al terzo condono edilizio per sbloccare la ricostruzione

Il Mibact si è riservato di poter dare attraverso la Soprintendenza parere negativo agli “abusi che realmente determinano danno al paesaggio”

Giovanni Legnini, commissario di governo alla ricostruzione post-terremoto del 2017 a Ischia, ha firmato un atto che dovrebbe semplificare le procedure d'accesso ai contributi. I proprietari degli immobili danneggiati fruiranno di un terzo condono edilizio. Non tutto sarà concesso – il Mibact si è riservato di poter dare attraverso la Soprintendenza parere negativo agli “abusi che realmente determinano danno al paesaggio” – ma di fatto si introduce la distinzione fra abusi minori, “tollerabili”, e abusi gravi.

Gli immobili danneggiati censiti sull’isola per il sisma sono circa 1.100. Il sindaco di Casamicciola, Giambattista Castagna, in conferenza stampa ha spiegato che “finora la Soprintendenza si è espressa sempre in maniera negativa su ogni richiesta di condono”, mentre “da oggi dovrà almeno esaminare la pratica ed esprimere un parere motivato”. Un passo avanti verso la ricostruzione che in questa fase era ferma al palo.

Il 20 agosto è il termine indicativo perché i residenti presentino una scheda che indichi la volontà di ricevere il contributo. Il commissario ha anche dettato i tempi delle risposte: “Saranno di 60 giorni per le domande che non prevedono il condono e possono essere definite con Scia; 60 giorni per la domande con istanza di condono e altri 60 per l'approvazione del progetto definitivo e concessione del contributo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto a Ischia, via al terzo condono edilizio per sbloccare la ricostruzione

NapoliToday è in caricamento