menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Discariche e roghi a Palma Campania @Rifiutarsi.it

Discariche e roghi a Palma Campania @Rifiutarsi.it

La 'Terra dei Fuochi' sotto i riflettori: ma intanto si continua a bruciare

Non passa giorno senza che arrivino segnalazioni di rifiuti pericolosi sversati illegalmente e poi dati alle fiamme. La denuncia di 'Rifiutarsi': "Anche a Palma Campania nulla è cambiato"

Appelli, servizi nei programmi delle tv nazionali, cartelli dei vip. La Terra dei Fuochi è ormai sotto i riflettori da un po' di tempo eppure si continua sversare illegalmente materiale tossico sempre negli stessi luoghi e poi a dargli fuoco, incessantemente. E la domanda resta sempre la stessa: "Ma quand'è che si interverrà concretamente per stoppare questa follia criminale che appesta l'aria di veleno?"
Denunce e segnalazioni ci arrivano di continuo, l'ultima in ordine di tempo, è quella degli attivisti di Rifiutarsi.it che mostrano in un reportage fotografico come la drammatica situazione sia rimasta immutata anche a Palma Campania (uno de paesi coinvolti nella devastazione ambientale).

"Ora che sembra che la Terra dei Fuochi sia sulla bocca di tutti - scrivono gli attivisti - ci si aspetterebbe anche qualcosa di diverso. Invece la storia è sempre identica, la memoria corta, le passerelle lucide. Mentre su facebook impazza la moda del cartello ve ne sono alcuni che continuano ad essere ignorati: "Divieto di Scarico", "Zona Videosorvegliata", "I trasgressori saranno puniti". È l'esempio di Palma Campania, dove continuano incessanti da anni gli sversamenti illeciti e i roghi tossici. Ci accompagnano Alfonso Buonagura e Vincenzo Sepe.

Tutti i luoghi degli sversamenti: "Via Aiello è una stradina di campagna che si arrampica sulla montagna verso il Piano di Trebucchi. A deturpare un posto di straordinario splendore naturalistico, sono rifiuti di ogni tipo, da quelli urbani a quelli speciali e tossici come amianto e resti di roghi tossici. Vincenzo ci racconta che sono innumerevoli le denunce e segnalazioni fatte, tutte risolte con poco o nulla di fatto. "La competenza è sempre di un ente diverso da quello a cui ti rivolgi e spesso non ci sono abbastanza fondi per la rimozione degli sversamenti".  Ci spostiamo su via Sarno Vecchia dove i rifiuti ammassati formano una vera discarica a cielo aperto: amianto, copertoni, resti di roghi, elettrodomestici, rifiuti di ogni genere. "Sempre la stessa storia, sempre lo stesso posto" ci dice Vincenzo, "sono anni che è così."  In via Cupa di Miano lo spettacolo è sconcertante. Ammassi di amianto che spuntano ovunque, decine di cumuli di resti di roghi tossici, residui tessili industriali e pneumatici dati alle fiamme. L’acqua della pioggia qui si tinge di nero e rassomiglia a percolato, forma pozzanghere e ruscelli avvelenando la terra coltivata a pochi metri di distanza. Alfonso ci racconta che in passato avevano chiuso la strada con una sbarra ma i criminali, forzando il catenaccio, la superavano facilmente chiudendola alle loro spalle per non essere disturbati (!!). “Ho chiamato molte volte i vigili del fuoco, segnalando sempre lo stesso posto tanto che qualche volta mi pigliano per matto”.  Stesso scenario a via Novesche, in via Abignente, in via Fossi. “Quando venne la Rai per fare un servizio a Palma Campania, la facemmo uscire a Nola perché ci vergognavamo delle condizioni in cui versa l’uscita dell’autostrada” dice Alfonso. “Le abbiamo provate tutte. Oramai è diventato superfluo segnalare sempre le stesse zone, bisogna prima arginare il fenomeno dei roghi tossici.”

"Cosa che non è chiara ancora a molti. In questi giorni si sente levare da più parti il coro "bonifiche, bonifiche e bonifiche" ma a cosa serve bonificare se prima non si arresta il fenomeno degli sversamenti e degli abbruciamenti di rifiuti? Il rischio è che senza un'adeguata azione di sorveglianza e di monitoraggio del territorio, dopo aver bonificato i terreni, in breve tempo ce li ritroveremo di nuovo inquinati. È l'eterna storia del gatto che si morde la coda da solo o se preferite il classico “magna magna” all'italiana" concludono gli attivisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Attualità

Concorsone Sud 2800 posti: le date della prova scritta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento