rotate-mobile
Cronaca Pomigliano d'arco / Via Roma

Terra dei Fuochi, sabato Pomigliano si mobilita contro l'avvelenamento

Il 18 gennaio in programma un corteo che partirà alle 10:30 dal Piazzale dell'ex Stazione. I promotori: "Riprendiamoci la dignità, il diritto alla salute e il nostro futuro"

Non si ferma la mobilitazione contro l'avvelenamento dei territori tra Napoli e Caserta.

Il Coordinamento 18 gennaio ( un collettivo trasversale di persone, associazioni, comitati e movimenti) promuove un corteo a Pomigliano d'Arco che partirà alle ore 10.30 dal Piazzale della ex Stazione (via Roma) per l'appunto sabato 18 gennaio.

"Tutti in fila!" è lo slogan della manifestazione: tutti in fila per riprendersi la propria "la dignità, il diritto alla salute ed il futuro".

"I sogni, le idee non bruciano. Difendiamo la nostra terra dai soprusi del sistema affaristico-criminale, dalla distruzione ambientale e socio-economica", scrivono su facebook gli organizzatori della mobilitazione.

I cittadini sfileranno quindi in corteo per chiedere la fine di roghi, sversamenti e traffici di rifiuti tossici, lo stop alla costruzione di inceneritori ed ogni forma di combustione dei rifiuti, per opporsi all'attuale piano di gestione dei rifiuti ed opporsi alla militarizzazione del territorio

A gran voce, la cittadinanza in mobilitazione chiede una mappatura dei siti contaminati e le analisi delle falde acquifere, la bonifica delle aree sotto il controllo delle comunità, la tutela e la promozione del settore agroalimentare sano campano e l'istituzione di un registro tumori in Campania operativo ed efficiente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terra dei Fuochi, sabato Pomigliano si mobilita contro l'avvelenamento

NapoliToday è in caricamento