Cronaca Casandrino

Aggredì dei nigeriani per il controllo dello spaccio: arrestato per tentato omicidio

Protagonista insieme a un complice di una spedizione punitiva a Casandrino

Una vera e propria spedizione punitiva con mazze e bastoni. L'obiettivo era probabilmente quello di controllare le piazze di spaccio e dare una lezione ai nigeriani che provavano a inserirsi nel business. Con questa ipotesi i carabinieri di Grumo Nevano hanno arrestato un 32enne di Sant'Antimo con l'accusa di tentato omicidio e lesioni personali aggravate. L'uomo era ricercato dallo scorso 28 giugno, giorno in cui era stato sottoposto a fermo il suo complice, un 31enne di Casandrino.

La spedizione punitiva

In quella notte venne organizzata una spedizione punitiva che i militari ritengono sia stata organizzata per questioni riconducibili allo spaccio di droga. Un'ipotesi che per la procura di Napoli nord sembra essere la più accreditata come movente del gesto. Le indagini comunque proseguono in tutte le direzione e il 32enne è stato portato in carcere dopo pochi giorni di irreperibilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredì dei nigeriani per il controllo dello spaccio: arrestato per tentato omicidio

NapoliToday è in caricamento