menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ospedale

Ospedale

La Campania è la regione italiana con il più alto tasso di mortalità

A Napoli si vive male e si muore di più. Nel 2010 i decessi sono stati 25349: 10,6 persone ogni mille abitanti. I dati della "Relazione sullo stato sanitario del Paese 2009-2010" messa a punto dal Ministero della Salute

La Campania è la regione italiana con il più alto tasso di mortalità per entrambi i sessi. E’ quanto emerge dalla “Relazione sullo stato sanitario del Paese 2009-2010”, messa a punto dal Ministero della Salute e presentata ieri.

In Italia i livelli peggiori di mortalità si trovano in Campania e in Sicilia, mentre il quadro migliore si conferma essere quello delle Marche, che presentano il tasso più basso per entrambi i sessi.

La nostra Regione si conferma quella con più alta mortalità, come già accadeva nel 2003, significativamente più elevata dei valori osservati in tutte le altre regioni.

La distribuzione della mortalità sul territorio campano, come si legge su Cronache di Napoli, appare marcatamente disomogenea: le province di Caserta e Napoli hanno tassi particolarmente elevati, mentre nelle Province di Avellino e Benevento si osservano tassi inferiori alla media italiana.

Solo nel 2010 nella provincia di Caserta sono morte 7.436 persone, con un tasso di mortalità pari a 8,1 ogni mille abitanti (nel 2009 era 7,9), mentre a Napoli i decessi sono stati 25.349, 10,6 persone ogni mille.

Alla nascita un maschio campano può pensare di arrivare a 77,2 anni, una donna a 82,6. All'apparenza potrebbe sembrare un buon risultato ed invece basta confrontarlo con quello delle altre regioni e con la media nazionale (78,8 per gli uomini e 84,2 per le donne) per rendersi conto che è il dato peggiore.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento