Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tampone per chi rientra, assalto al Frullone. Utenti infuriati: "Il vero rischio è qui"

Primo giorno del punto allestito dall'Asl Napoli 1 Centro per i napoletani che tornano dall'estero. Lunghe code, assembramenti e litigi fin dalla mattina

 

E' stata una partenza choc quella del presidio allestito dall'Asl Napoli 1 al Frullone per tutti i napoletani che, rientrando dall'estero, sono obbligati a sottoporsi al tampone. Lunghe code si sono formate poco dopo le 8.30 di questa mattina, 15 agosto. Assembramenti e misure di sciurezza precarie e un'organizzazione, almeno inizialmente balbettant, hanno fatto salire la tensione. Non sono mancati litigi tra cittadini e personale sanitario e delle forze dell'ordine. 

A raccontare le difficoltà sono proprio gli utenti: "Siamo arrivati e c'era già il caos - spiega una ragazza - persone che urlavano, altri litigavano, una fila infinita. Molti erano senza mascherina. Inoltre, il personale chiama le persone urlando il loro nome come se fossimo in una salumeria". I tempi di attesa non sono brevi, come racconta un'altra cittadina: "Mi hano fatto registrare e mi hannodato un numero. Ho fatto una prima fila e poi mi è stato dato un secondo numero. Adesso devo aspettare. Sono stata a Ibiza e le misure di sicurezza erano molto più stringenti di stamattina. Ho paura di aver contratto il virus qui, all'Asl". 

Per alcuni, non sono state rispettate neanche le norme più basilari: "Ci siamo registrati su un foglio, usando tutti la stessa penna. - racconta un giovane - Se qui c'è un contagiato, domani ce ne saranno altri 300". La situazione si è normalizzata dopo le 10, anche se l'assembramento e il mancato distanziamento sono permanenti.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento