menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camorra, talpa nella polizia informava il clan Gionta

C'era una talpa, ancora da identificare, tra le forze di polizia che passava notizie riservate sulle attività di contrasto al clan Gionta di Torre Annunziata. La scoperta deriva dall'indagine che ha portato all'arresto di 7 persone vicine al clan

Sette sono le custodie cautelari in carcere eseguite nei confronti di altrettante persone, di cui sei già in carcere, del clan Gionta di Torre Annunziata. Dallo sviluppo di questa indagine si è scoperta anche la presenza di una talpa, ancora da identificare, tra le forze di polizia che passava notizie riservate sulle attività di contrasto al clan Gionta.

  Membro infedele delle forze di polizia  
Nei loro confronti l'accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso, detenzione e porto abusivo di armi. Tra i destinatari anche Pasquale Gionta, di 32 anni, figlio del capo storico del clan, Valentino, e reggente del sodalizio criminale dall'arresto del fratello Aldo, avvenuto nel 2000, fino al suo arresto, il 29 maggio 2007. L'operazione si inquadra nell'ambito del contrasto da parte delle forze dell'ordine ai Gionta e al contrapposto clan Gallo. Le armi da fuoco, tra l'altro, era state nascoste in maniera da non essere sequestrate durante i ripetuti blitz. Una guardia giurata in servizio all'ospedale civile di Boscotrecase , affiliata al clan Gionta è tra i destinatari dei provvedimenti. Il procuratore aggiunto della Repubblica, Rosario Cantelmo, parla, per la talpa, di "membro infedele delle forze di polizia".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento