rotate-mobile
Cronaca Vomero / Corso Vittorio Emanuele, 477

Superenalotto, il doppio 6 frutto di una svista della ricevitoria

Duplicate due volte le schedine prestampate inviate dalla Sisal alla tabaccheria, ma entrambe le giocate dovrebbero essere valide. Ancora ignoti i fortunati vincitori

Son piovuti milioni ieri sera su Napoli grazie alla doppia vincita al Superenalotto. E ora si scopre che i due vincitori devono ringraziare una svista della ricevitoria.

Ma come è successo? «A ogni ricevitoria la Sisal invia 500 schedine prestampate - spiegano ad Agipronews i titolari della tabaccheria Di Lorenzo  - il singolo ricevitore decide poi quante metterne in vendita e in genere si va per blocchi: noi, per esempio, avevamo messo a disposizione dei clienti le prime 15 e tra queste c'era anche la schedina vincente. Quando abbiamo esaurito la prima mazzetta avremmo dovuto stampare il secondo blocco, a partire cioè dalla sedicesima schedina inviataci dalla Sisal. E invece per una svista abbiamo duplicato il primo gruppo. Il che vuol dire che oltre alla doppia giocata vincente ci sono altri doppioni che però non hanno vinto».

Nessun indizio sui fortunati, almeno fino a questo momento. Ma c'è chi giura che si tratti di gente del posto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superenalotto, il doppio 6 frutto di una svista della ricevitoria

NapoliToday è in caricamento