Ancora un suicidio in carcere a Poggioreale: 23esimo in Italia

Un uomo di 38 anni si è tolto la vita in una cella del padiglione Napoli

Un uomo di 38 anni si è tolto la vita nel carcere di Poggioreale. A renderlo noto è stato il garante dei detenuti, Samuele Ciambriello con una nota e un post su Facebook. L'uomo si è tolto la vita in una cella del padiglione Napoli, uno dei più affollati dell'istituto. A trovare il corpo senza vita è stato il cognato detenuto come lui.

“Si tratta del terzo suicidio nelle carceri campane quest'anno, il 23esimo in Italia nel 2019. Non si può morire di carcere e in carcere. Il padiglione Napoli è uno dei più vecchi di Poggioreale e qui in nove anni si sono verificati diversi suicidi. Ci sono fino a otto detenuti per cella. Il sovraffollamento è una specie di pena accessoria e questo non è accettabile per uno Stato di diritto". Il garante dei detenuti per la Campania ha poi denunciato che “il ministero delle Infrastrutture ha assegnato 12 milioni da tre anni per il rifacimento di quattro padiglioni ma il Provveditorato alle Opere Pubbliche ha fatto solo dei sopralluoghi ma non esiste alcun progetto esecutivo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il post su Facebook 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento