menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Strage Secondigliano

Strage Secondigliano

Strage Secondigliano, l'omicida confessa: "Una vita passata a subire ma sono pentito"

Il suo legale è pronto a chiedere una perizia psichiatrica per constatare le facoltà mentali di Giulio Murolo

Giulio Murolo, l'autore della terribile strage compiuta a Secondigliano, dove sono morte quattro persone e ne sono state ferite sei, ha iniziato a parlare: "Sono pentito, chiedo perdono a tutti. Chiedo perdono a mia madre, ai miei nipoti, i figli del fratello che ho ucciso, ma anche a tutte le persone estranee alla mia famiglia che ho trascinato in questa tragedia".

Le rivelazioni sono trapelate in seguito agli incontri del pluriomicida con il pm Roberta Simeone, dove peraltro l'uomo non ha voluto rispondere alle domande riguardanti le motivazioni e la dinamica degli accadimenti, in quanto sostiene di non ricordare nulla e ha solo precisato di aver subito da una vita diversi soprusi.

Intanto il suo legale è pronto a chiedere una perizia psichiatrica per constatarne le facoltà mentali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Vitamina E, Covid e sesso. Cosa sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento