Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca

Vent'anni dalla strage di Capaci: Napoli ricorda Falcone

Il 23 maggio 2012 alle 17.30 presidio alla Procura di Napoli e poi un minuto di silenzio. Alle 20.30 ad Ercolano una fiaccolata seguita da serata di videoistallazioni al Mav

Per il ventennale della strage di Capaci per mano della mafia che il 23 maggio 1992 causò la morte dell’uomo simbolo della legalità e della lotta alla criminalità organizzata, il magistrato siciliano Giovanni Falcone, di sua moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Napoli si mobilita in molti modi.

Alle 17.30, davanti alla procura di Napoli, al centro direzionale, la Federazione antiracket italiana, l'Associazione nazionale Magistrati, il Coordinamento campano dei familiari delle vittime di criminalità,  Libera e l'Osservatorio sulla camorra e sull'illegalità presieduto da Nino Daniele, chiamano a raccolta tutti i cittadini che pochi minuti prima delle ore 18 saranno inviatati a mantenere un minuto di silenzio in ricordo del magistrato, della moglie e degli agenti della scorta. Un silenzio collettivo che ha lo scopo di "gridare" in modo netto che l'Italia non ha dimenticato e non dimenticherà.

Anche Il Mav (Museo Archeologico Virtuale) di Ercolano dedica una serata a Giovanni Falcone. L’appuntamento per cittadini e associazioni contro tutte le mafie è alle ore 20.00 alla stazione della Circumvesuviana.

“L’accensione della video istallazione dedicata a Giovanni Falcone – si legge in un comunicato del Museo - trasformerà per una sera il Mav nel museo virtuale della legalità. Sarà l’evento conclusivo della grande mobilitazione napoletana organizzata dalle associazioni impegnate contro le mafie.

Alle 20.30 un corteo partirà dal piazzale della circumvesuviana ed attraverserà via 4 novembre fino al Mav. Ad accogliere i partecipanti provenienti da tutta Napoli e da tutta Italia ci saranno l’associazione Antiracket “Ercolano per la Legalità”, i ragazzi di “Radio Siani”, i giovani di “Casa Mandela”.

Ai mille modi con cui verrà ricordato il sacrificio di Falcone, di sua moglie e degli agenti della scorta, abbiamo voluto aggiungere un nostro omaggio usando il linguaggio dell’interattività multimediale, provando a far rivivere e a trasmettere la memoria di un tragico episodio, ma anche la lezione di un grande italiano che serviva il suo paese e amava la costituzione”.

Ricordiamo anche che solo due mesi dopo moriva nell'attentato a Via D'amelio, sempre a Palermo, il giudice Borsellino, collega e grande amico di Falcone, insieme indagavano sulle attività illecite della mafia e sui suoi rapporti con istituzioni e politica.

Inoltre nel pomeriggio del 22 maggio, partiranno da Napoli e da Civitavecchia due navi della "legalità" che porteranno gli studenti delle scuole selezionate con il concorso nazionale ‘Capaci venti anni dopo. Etica, ruolo e valore della memoria’ fino a Palermo, dove parteciperanno alle celebrazioni ufficiali di commemorazione. Con gli studenti si mbarcheranno anche il ministro dell'istruzione Profumo e il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vent'anni dalla strage di Capaci: Napoli ricorda Falcone
NapoliToday è in caricamento