menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ciro a Mergillina, la protesta dei lavoratori (Foto Ansa)

Ciro a Mergillina, la protesta dei lavoratori (Foto Ansa)

Chalet Ciro a Mergellina, la protesta dei camerieri: "Senza tavolini ci licenziano"

Da questa mattina il titolare dello chalet è stato costretto ad applicare l'ordinanza comunale

Lo chalet Ciro a Mergellina da oggi ha attuato l'ordinanza comunale che gli vietava l'utilizzo del suolo pubblico per installare tavolini, sedie ed ombrelloni. Le pedane sono state smantellate dal proprietario dell'attività in ottemperanza alla disposizione comunale che lo diffidava dal farlo entro cinque giorni dalla notifica effettuata dalla polizia municipale. A Ciro a Mergellina è concesso solo l'utilizzo di 20 metri quadri come tutti i chioschi di bibite presenti su quel lato del lungomare napoletano. La disposizione sindacale ha già prodotto i primi effetti sull'attività imprenditoriale.

La proprietà ha infatti annunciato che da oggi ha dovuto lasciare a casa 20 dipendenti. Si prepara intanto una battaglia legale sulla base di una sentenza del Tar Campania che nel 2015 aveva dato ragione all'imprenditore in occasione del regolamento entrato in vigore nel 2014. La proprietà ha chiesto anche un colloquio con l'assessore Panini, senza ottenere finora risposta.  ''La mia attività offre lavoro a 72 dipendenti - spiega Antonio De Martino, proprietario dello chalet e nipote del fondatore Ciro - ma se il Comune non trova una soluzione diversa sono costretto a licenziare subito i 20 addetti al servizio tavoli ed è prevedibile che il mancato introito porterà ad altri licenziamenti''. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento