menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La pubblicità sotto accusa

La pubblicità sotto accusa

Pubblicità choc in città, c'è lo stop. "Lede la dignità delle donne"

La provocazione di un'azienda di abbigliamento nei giorni scorsi aveva fatto discutere. La decisione dell'assessore Tommasielli: blocco delle affissioni e rimozione dei manifesti

"Napoli dice basta ad ogni tipo di pubblicità lesiva della dignità delle donne". Queste le parole dell'assessore alle Pari Opportunità Giuseppina Tommasielli, intervenuta drasticamente sulla presenza in città di manifesti pubblicitari prodotti da un'azienda di abbigliamento che nei giorni scorsi avevano fatto discutere.

L'assessore ha dunque ottenuto il blocco di tali affissioni intervenendo presso le principali agenzie pubblicitarie che operano sul territorio mentre, con un decreto a firma congiunta con l'assessore Marco Esposito, è stata disposta la rimozione dei manifesti già presenti in città.


"Stiamo lavorando - spiega la Tommasielli - ad una delibera, già da tempo in cantiere, che dichiari Napoli "città libera dalle pubblicità lesive". (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Esplosione ai Colli Aminei, distrutto un negozio

  • Cronaca

    Lite finisce nel sangue, uomo ucciso a colpi di cric

  • Cronaca

    Riaprono i negozi: "Pochi clienti e molte attività sono già fallite"

  • Cronaca

    Tragedia in metropolitana: uomo travolto da un treno

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento