menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ipotesi di Stop Biocidio al San Paolo @Lucio Righetti

Ipotesi di Stop Biocidio al San Paolo @Lucio Righetti

'Stop Biocidio' al San Paolo per la prima di Champions: l'idea della cittadinanza attiva

Utilizzare il grande evento mediatico del 18 settembre per lanciare un appello sul dramma ambientale e sanitario che si consuma in provincia di Napoli e Caserta

Terra dei Fuochi e dei Veleni: ci si organizza dal basso per sensibilizzare e informare quanta più gente possibile. La cittadinanza attiva e i preti di provincia si danno da fare più di quanto abbiano fatto fino ad oggi le istituzioni, stanchi di subire e morire nell'indifferenza generale.

Rifiuti speciali e tossici sversati illegalmente tra le province di Napoli e Caserta hanno avvelenato i campi, i continui roghi tossici diffondono veleni nell'aria per chilometri e chilometri. E ancora discariche e inceneritori che insistono (o dovranno essere costruiti) proprio in quelle aree già fortemente e irrimediabilmente danneggiate. Allora i cittadini provano a difendersi, gridano come possono 'Stop al Biocidio, adesso c'è bisogno di bonifiche".  E mentre a Caivano don Maurizio Patriciello ha organizzato una campagna di sensibilizzazione che prevede l'invio di 45 mila cartoline  dalla 'Terra dei Fuochi' (che ritraggono mamme del territorio con le foto dei propri piccoli morti di cancro) alle massime autorità dello Stato oltre che al Papa, sui social network ci si organizza per utilizzare anche il canale dello Stadio come cassa di risonanza per lo scempio e il dramma che sta uccidendo una fetta enorme di territorio.

L'idea è quella di esibire striscioni, scritte o volantini (qualunque cosa sia consentito portare all'interno dell'impianto) che rechino l'appello 'STOP BIOCIDIO' durante la prima partita del Napoli in Champions League, che si disputerà domani sera, 18 settembre. Il tempo per organizzare e realizzare l'inziativa è poco, per questo su internet la voce sta correndo velocemente, con la speranza di riuscire a portare a termine il progetto.

"E' un'idea venuta a volontari dei comitati mobilitati dalla perenne emergenza che viviamo in questo martoriato paese, scrive Lucio Righetti, promotore dell'iniziativa, riferendosi agli attivisti di 'Stop Biocidio' e di  'Cittadini Campani per un Piano Alternativo dei Rifiuti'".

"L'accelerazione degli eventi - spiega Righetti su facebook -, il regalo che vorrebbero farci dell'inceneritore, l'incremento esponenziale dei casi di cancro in tutte le fasce d'età, la fiaccolata di Caivano, la marcia silenziosa di Aversa, ci hanno che convinto che più ci massacrano, più forte dobbiamo gridare al mondo del genocidio che stiamo subendo. Ghiotta occasione l'evento mediatico per eccellenza del popolo Napoletano, la partita di calcio, e...what's better? La Champions League.

Mercoledì infatti si disputa il primo incontro del Napoli che debutta in Champions contro il Borussia e l'idea è balenata ricordando le cartoline nere che ieri 3.500  cittadini hanno esposto vestiti a lutto.

Tra Napoli, Giugliano, Aversa, Caivano, Caserta, Capua, la Campania tutta i componenti la coalizione appartengono a tutta le aree inquinate  delle province di  Napoli e Caserta ed ambisce ad unire tutti i comitati Campani attivi sul territorio, l'idea man mano ha preso forma ed i social network hanno il compito di diffondere e rendere concreta l'idea.

I file (il cui progetto grafico è di A. Trotta) gireranno via mail, twitter e facebook, ci saranno dei volontari con un certo numero di manifestini allo stadio, ma la gran parte del lavoro si spera lo faccia il gran cuore dei Napoletani, finalmente pronti a gridare in silenzio, al mondo il loro dolore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Salute

Al Policlinico Federico II visite ed esami gratuiti per le donne

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento