menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
#Stop Biocidio a Palazzo San Giacomo

#Stop Biocidio a Palazzo San Giacomo

Stop Biocidio: presidio a palazzo San Giacomo ed incontro con il vicesindaco

Mobilitazione cittadina per chiedere interventi concreti rispetto all'emergenza ambientale e sanitaria. Sodano e D'Angelo ricevono una delegazione: legittime le preoccupazioni, presto consiglio comunale sul tema

Continua la mobilitazione di movimenti, comitati, medici indipendenti, forze sociali e sindacali per la campagna #Stop Biocidio.
Questo pomeriggio si è tenuto un presidio davanti a Palazzo San Giacomo per portare all'attenzione delle istituzioni il dramma in cui versa parte della Campania che vede una spaventosa impennata della percentuale delle patologie tumorali e una devastazione ambientale di proporzioni enormi.

Gli sversamenti illegali di rifiuti pericolosi e scarti industriali, le discariche abusive, i continui roghi tossici che avvelenano l'aria, la terra e l'acqua hanno portato la regione in un vero e proprio stato di emergenza sanitaria e ambientale, hanno spiegato i promotori della campagna Stop Biocidio. E' necessario un impegno serio affinché le aree colpite dallo scempio siano bonificate e parallelamente bisogna avviare serie indagini sanitarie, ricerche ed esami tossicologici per fermare quello che ormai appare un vero e proprio biocidio.

Una rappresentanza dei presidianti, come si legge in una nota Ansa, è stata poi ricevuta dal vicesindaco Sodano e dall'assessore al Welfare D'Angelo. L'amministrazione si è espressa favorevolmente alla richiesta, avanzata dalla delegazione, di convocare un consiglio comunale sul tema, condividendo la legittimità delle preoccupazioni sollevate dai cittadini e dai comitati. Nonostante le competenze su queste materie specifiche siano della Regione, delle Asl e del ministero dell'Ambiente e della Salute, l'amministrazione si è impegnata a chiedere a queste istituzioni un impegno concreto per lo screening preventivo gratuito da garantire alla popolazione e, soprattutto, per le necessarie bonifiche.


Il Comune di Napoli, si legge ancora nella nota, a conferma dell'attenzione riposta verso il diritto alla salute, ha già richiesto al governo un tavolo concernente le bonifiche e il necessario risanamento ambientale delle zone orientali, di Pianura, di Bagnoli. Non solo, lo stesso Comune ha istituito un proprio Osservatorio oncologico che, a dicembre, concluderà in modo definitivo lo studio contenente i dati raccolti relativamente ai quartieri della città e riguardanti l'incidenza e il tipo di patologie tumorali verificatesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Attualità

Concorsone Sud 2800 posti: le date della prova scritta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento