Circum, stazione da incubo: "Invasa da muffa verde"

La denuncia dei Verdi riguarda la fermata "La Pigna" di Casalnuovo

La stazione La Pigna della Circumvesuviana, a Casalnuovo, è oggetto di una denuncia dei Verdi. Secondo il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli si tratta di uno "scenario degno di un film horror".

"Alcuni cittadini ci hanno segnalato le condizioni pietose in cui versa la stazione La Pigna della Circumvesuviana a Casalnuovo", rende noto Borrelli. "A causa dell’umidità una delle pareti è diventata verde, invasa dalla muffa. Anche il resto della stazione è in preda al degrado con mura invase dalle scritte e sporcizia. Lo scenario è degno di un film horror. Si tratta di una situazione assolutamente inaccettabile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo inviato una nota all’Eav per chiedere una bonifica strutturale della stazione. Occorre eliminare l’umidità e ritinteggiare le pareti invase dalla muffa, oltre a restituire dignità a tutte quelle opere murarie che sono state oggetto di deturpamento a opera dei writers. Chi viaggia con la Circumvesuviana - conclude il consigliere - ha diritto a stazioni pulite e decorose”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento