rotate-mobile
Cronaca

Staminali, a Napoli è corsa contro il tempo per il piccolo Mattia Fagnoni

Il bambino, 5 anni e mezzo, è affetto dalla sindrome di Sandhoff, rara malattia degenerativa del sistema nervoso centrale. Il giudice si pronuncerà il 24 aprile. La madre: "È un tempo lunghissimo"

Una corsa contro il tempo quella dei genitori di Mattia Fagnoni, 5 anni e mezzo, affetto dalla sindrome di Sandhoff, rara malattia degenerativa del sistema nervoso centrale.

I genitori di Mattia - che è malato terminale, privo della vista e della parola - hanno chiesto al giudice del lavoro di Napoli di poter curare il figlio con cellule staminali prelevate al padre. Il giudice si pronuncerà il 24 aprile.


"Un tempo lunghissimo - dice la madre - per chi potrebbe avere ancora solo pochi mesi o settimane di vita". Tra i partecipanti alla manifestazione di questa mattina al Pantheon, a Roma, per la libertà di cura, c' era anche il padre di Mattia, Francesco Fagnoni. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Staminali, a Napoli è corsa contro il tempo per il piccolo Mattia Fagnoni

NapoliToday è in caricamento