Castellammare, arrestato il poliziotto stalker di Quagliarella: deve scontare 4 anni

Il 54enne, appartenente alla Polizia di Stato ma già sospeso dal servizio, si fingeva amico delle sue vittime poi le perseguitava con lettere e messaggi anonimi con false accuse di pedofilia

 La Polizia di Stato di Castellammare di Stabia, unitamente all'Arma dei Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere, nel tardo pomeriggio di ieri ha dato esecuzione all'ordine per la carcerazione nei confronti di R.P. di 54 anni, ritenuto responsabile di atti persecutori, calunnia e sostituzione di persona.

I reati contestati, perimetrati in un arco temporale compreso tra il 2006 ed il 2010, sono stati consumati dal predetto in danno di numerosissimi imprenditori e professionisti, tra cui un noto calciatore ed il gestore di un locale di Capri.

Le laboriose indagini, coordinate dalla Procura di Torre Annunziata e condotte dalla squadra investigativa del Commissariato di Polizia di Castellammare di Stabia, hanno consentito di documentare le responsabilità dell'uomo che per anni, fingendosi amico delle vittime, le ha perseguitate con lettere e messaggi anonimi contenenti false accuse di pedofilia e di collusioni con la criminalità organizzata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La condanna dello stalker

L’arrestato, appartenente alla Polizia di Stato, già sospeso dal servizio, dovrà scontare la pena di 4 anni e 6 mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento