Cronaca Fuorigrotta / Piazza Giorgio Ascarelli

"Con le stampelle non può entrare": professionista scoppia in lacrime al San Paolo

L'uomo, un commercialista beneventano, era munito di regolare biglietto e, accompagnato dalla figlia, sarebbe stato in un primo momento respinto dalla security dei Distinti

"Con le stampelle non può entrare, le lasci qui". E' quanto una hostess dello stadio San Paolo avrebbe detto a un professionista beneventano che giovedì scorso, in compagnia della figlia, cercava di assistere, munito di regolare biglietto, alla gara tra Napoli e Arsenal. I fatti sono riportati da AdnKronos. "Ho fatto presente all'hostess", spiega l'uomo, "che così mi offendeva e che le stampelle non erano un accessorio. A un uomo vestito di nero intervenuto ho detto che volevo il rimborso, si sono accesi i toni e ha detto che non avrebbero rimborsato nessuno". 

"Lui mi ha detto di essere un poliziotto, mi ha chiesto i documenti", continua l'uomo. "Non potevo tollerare questa cosa e sono scoppiato in lacrime. In mia difesa sono intervenuti alcuni amici incontrati per caso, un avvocato e il presidente dell'ordine dei commercialisti. Non ho ottenuto risultato, volevo andar via. Il mio amico e una poliziotta mi hanno inseguito, mi hanno ridato i documenti e invitato a entrare. Non volevo, ma sono tornato indietro". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Con le stampelle non può entrare": professionista scoppia in lacrime al San Paolo

NapoliToday è in caricamento