rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Spostamenti fuori regione, l'appello: "Due mesi che non vediamo i nostri mariti"

La denuncia di una professionista napoletana

Il lockdown imposto dal Governo per ragioni sanitarie di distanziamento sociale per il contenimento del Covid-19 sta creando non pochi disagi a coloro che hanno i propri congiunti fuori regione.

Il parziale allentamento delle misure, che prevede la possibilità di spostarsi nelle altre regioni d'Italia per ricongiungersi con i propri mariti o compagni, sembra però non bastare a causa dell'obbligo di quarantena non sempre applicabile. E' il caso di Giulia, residente a Napoli che da due mesi non può vedere il marito che lavora a Siracusa. "Capisco il lockdown sanitario, ma mi sembra assurdo che io non possa vedere mio marito sia per le difficoltà di ottenere i permessi, visto che non sono residente in Sicilia, che per l'obbligo di dover rispettare la quarantena. Posso spostarmi per ragioni lavorative per periodi non superiori ai 10-15 giorni, rischierei di passare il tempo sempre in quarantena senza poter neppure lavorare al mio ritorno".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spostamenti fuori regione, l'appello: "Due mesi che non vediamo i nostri mariti"

NapoliToday è in caricamento