Cronaca

"Accesso alle spiagge impossibile per noi disabili": la denuncia di Anna

Lo sfogo di Anna, 40enne divenuta tetraplegica per un errore umano alla nascita

Con l'emergenza Coranavirus e il contingentamento dei posti in spiaggia andare a mare sta diventando sempre più arduo. Tali problemi vengono acuiti in caso di disabilità motoria. L'accesso negli stabilimenti balneari diventa infatti troppo spesso un percorso ad ostacoli per i diversamenti abili come denuncia a NapoliToday Anna. "Ci sono discese e passerelle, ma quasi nessuno stabilimento ha la sedia job, una sedia che ci permette di vivere la spiaggia quasi in modo normale, noi siamo costretti a fare ogni volta centinaia di chiamate per accertarci che ci siano tutti i servizi per noi, ma purtroppo solo l'1% li ha, e molto spesso anche a distanze grografiche troppo distanti, tanto da costringerci a restare a casa. Spesso i gestori dei lidi rispondono alle nostre richieste anche in maniera scortese",

Sulla sedia a rotelle per sempre per un errore umano

La 40enne di Afragola, ma residente a Cardito, è divenuta paraplegica per un probabile errore umano di un medico, che vorrebbe tanto incontrare, se ancora in vita, dopo essere nata prematura a 5 mesi e mezzo. "Quando sono nata avrebbero dovuto mettermi nell'incubatrice, ma non lo hanno fatto. I miei genitori furono consigliati male e decisero di fermarsi legalmente per dedicarsi a me e alle mie cure. Nonostante ciò mi sento a modo mio privilegiata: posso parcheggiare dove voglio e ho un'automobile con l'acceleratore sul volante, come i piloti di Formula 1, a differenza delle mie amiche che erano costrette dalle mamme a fare le pulizie in casa, io non lo ero, non potevo lavarmi neanche i piedi da sola, figuriamoci la casa. Ho trovato il coraggio di parlare della mia storia dopo aver letto del bimbo autistico escluso dalla recita. La forza della famiglia del piccolo Andrea mi ha dato tanto coraggio. Voglio giustizia, anche se solo morale, ma la desidero tanto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Accesso alle spiagge impossibile per noi disabili": la denuncia di Anna

NapoliToday è in caricamento