Segue e sperona con l'auto la sua ex moglie: arrestato dai Carabinieri

L'episodio è accaduto nei giorni scorsi a Frattamaggiore. L'uomo, non pago, ha danneggiato anche la porta d'ingresso dell'abitazione dei genitori della donna in quel di Casoria

Aveva seguito in macchina l’ex moglie da Casoria fino a Frattamaggiore, speronandola più volte nel tentativo di farla fermare, desistendo dalla ricerca ossessiva di un incontro solo alla vista di un’auto delle forze dell'ordine.

I Carabinieri della stazione di Frattamaggiore lo avevano denunciato per atti persecutori chiedendo all’autorità giudiziaria l’emissione di un provvedimento restrittivo per tutelare la vittima e il nucleo familiare. Ma il soggetto, un 42enne di Casoria, ha perseverato e in una seconda occasione, dopo aver minacciato la ex per telefono, ha raggiunto l’abitazione dei genitori della donna, danneggiando la porta d’ingresso e minacciando di portarsi via i due figli minori.

Ricevuta la chiamata d’allarme al 112, sono giunti sul posto i Carabinieri di Casoria che a quel punto, alla luce dei fatti, lo hanno arrestato.

Dopo le formalità, l'uomo è stato tradotto ai domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento