rotate-mobile
Domenica, 7 Agosto 2022
Cronaca Secondigliano / Via Roma Verso Scampia

Carcere di Secondigliano: nasce lo Spazio Giallo dedicato ai bambini

Il percorso di accoglienza creato dall'associazione Bambinisenzasbarre aiuta i piccoli a orientarsi e ad attenuare l'impatto con un ambiente potenzialmente traumatico

Per la prima volta al Sud la rete di accoglienza per i figli di genitori detenuti. È stato inaugurato nelle scorse ore lo Spazio Giallo creato all’interno del carcere di Secondigliano a Napoli: il percorso di accoglienza creato dall’associazione Bambinisenzasbarre che aiuta il bambino a orientarsi e ad attenuare l’impatto con un ambiente potenzialmente traumatico.

Liberato Guerriero, direttore della Casa Circondariale di Secondigliano, si è detto felice di poter ospitare il progetto sostenuto dall’Associazione Enel Cuore, Fondazione Banco di Napoli e Fondazione Banca delle Comunicazioni. Una novità che sarà a disposizione dei circa 5mila figli che entrano ogni anno nel carcere napoletano per incontrare il proprio papà.

Il bambino che entra in carcere ha bisogno di orientarsi nei luoghi e nei momenti che andrà a vivere, riconoscendoli. Per questo lo Spazio Giallo è organizzato da due elementi: TROVOPAPA, una mappa che mostra loro il percorso prima di raggiungere il proprio genitore; ASPETTO QUI, lo spazio fisico all’interno del carcere dove i bambini si preparano all’incontro con il genitore e “decantano” le emozioni dell’incontro avvenuto.

Nello Spazio Giallo, gli operatori possono intercettare i bisogni dei più piccoli, accoglierli in uno spazio dedicato a loro dove si preparano all’incontro con il genitore.  L’inaugurazione a Napoli fa parte delle iniziative della Campagna europea “Non un mio crimine, ma una mia condanna”, alla quale Bambinisenzasbarre partecipa per il settimo anno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere di Secondigliano: nasce lo Spazio Giallo dedicato ai bambini

NapoliToday è in caricamento