menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Ha sparato per aria per fare colpo sulle ragazzine»

Arresti domiciliari per il 23enne Ciro Ruocco di Torre Annunziata. Ai giudici ha detto di aver trovato la pistola per caso

«Ero andato a fare pipì e ho visto la pistola dietro ad un cespuglio. Ho sparato in aria ma ho fatto una sciocchezza». Così ha motivato il suo gesto Ciro Ruocco, il 23enne arrestato a Torre Annunziata con l'accusa di detenzione illegale e ricettazione di arma da fuoco. Il giovane finito in manette ieri, è comparso dinanzi al tribunale di Torre Annunziata per l'udienza di convalida dell'arresto e il successivo giudizio con rito direttissimo. Fermo convalidato e per il 23enne sono stati disposti gli arresti domiciliari nonostante il pm della procura oplontina Sergio Raimondi avesse invocato la custodia cautelare in carcere.

A fine maggio inizierà il processo per direttissima e la difesa di Ruocco ha già annunciato che l'imputato vorrà essere giudicato con rito abbreviato accedendo allo sconto di un terzo della pena finale. Ciò che più ha colpito è stato però la dinamica del gesto che ha portato il 23enne in manette. Insieme a Ruocco si è infatti scoperto dal primo momento che ci fosse anche un 22enne denunciato a piede libero per gli stessi reati. I due ragazzi non erano soli visto che con loro c'erano anche due ragazzine appena maggiorenni. Secondo la difesa, proprio la presenza delle due giovani ha portato Ruocco a sparare per aria. Il suo obiettivo era quello di fare colpo sulle ragazzine. Dopo aver bevuto insieme alle due ragazze, Ruocco avrebbe provato un colpo ad effetto con una pistola trovata sul posto, via San Francesco d'Assisi, pieno rione del clan Gionta.

Questa la ricostruzione del penalista Salvatore Calamita che ha provato a convincere i giudici che si trattasse semplicemente di una bravata. Nel merito della vicenda si entrerà solo nel corso del processo e nelle discussioni finali visto che verrà acquisito il fascicolo della procura all'interno del quale è scritto nero su bianco che il 23enne è stato trovato in possesso di una Colt semiautomatica con quattro proiettili calibro 45 e matricola abrasa, oltre che avere addosso anche qualche grammo di marijuana per uso personale.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento