menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spari in Piazza Nazionale, Salvini: "Prenderemo questi infami e li sbatteremo in galera a vita"

Il Ministro dell'Interno sulla sparatoria nella quale è rimasta ferita la piccola Noemi: "Non avrò pace finché i responsabili non saranno arrestati, processati, condannati e sbattuti in galera per il resto dei loro giorni"

"Se qualcuno pensa di poter fare il bello e il cattivo tempo per le strade di Napoli, con me ha trovato il ministro sbagliato. Tanto più se a finire sotto i colpi di questi infami delinquenti è una bambina come purtroppo accaduto venerdì. Da padre, prima che da rappresentante delle istituzioni, prometto alla famiglia della piccola Noemi e a tutti i cittadini che non avrò pace finché i responsabili non saranno arrestati, processati, condannati e sbattuti in galera per il resto dei loro giorni". Così il Ministro degli Interni Matteo Salvini, nel corso di un'intervista rilasciata a Il Roma, si è espresso sulla sparatoria avvenuta venerdì scorso a Napoli in piazza Nazionale, nel corso della quale una bambina di 4 anni è rimasta gravemente ferita per errore.

Il numero uno del Viminale, che nelle prossime ore sarà in Campania per una serie di appuntamenti elettorali, ha risposto anche alle polemiche delle ultime ore sul tema sicurezza: "Io non rispondo a queste polemiche. A dimostrare il nostro impegno bastano i numeri: solo nell'ultimo anno a Napoli sono arrivati 137 poliziotti in più che, grazie al piano di riorganizzazione con cui faremo del capoluogo campano la sede di una Super questura, passeranno presto dagli attuali 3.740 agenti a 4.332, con un incremento totale di 592 unità. Quindi più polizia e più carabinieri nelle strade, ma anche, fin da ora, più agenti della Polizia Municipale che il Comune ha potuto assumere grazie ai fondi della Sicurezza Urbana, altri 6,7 milioni di euro. Tutelare, presidiare, ma anche e soprattutto prevenire, come nel caso dell Operazione Scuole Sicure che per Napoli è stata finanziata con 243mila euro, da aggiungere alle altre risorse contro la dispersione scolastica. Senza dimenticare, infine, gli stanziamenti per i Comuni della Provincia: 150mila euro nel 2018 per Spiagge Sicure, tre Comuni coinvolti, diventati 294mila euro quest'anno, sette Comuni coinvolti. E ancora 4 milioni di euro per la messa in sicurezza di scuole e strade. Con questo Governo lo Stato sta tornando a Napoli, senza tante chiacchiere e proclami, ma con più uomini, più mezzi, più risorse e soprattutto con un approccio che per la prima volta punta a sradicare le sacche di degrado, abbandono e impunità da cui nasce e si alimenta la camorra".

Sulla possibilità di inviare l'Esercito nelle strade di Napoli, Salvini ha aggiunto: "Già oggi sono 690 i militari impegnati per le strade di Napoli con l Operazione Strade Sicure, di cui 100 a presidio della sola Terra dei Fuochi. La ¡oro presenza è certamente importante sia per l'effettivo contrasto alla criminalità sia per il messaggio che rappresentano: lo Stato c'è e ci sarà sempre di più".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento