rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca Torre del greco

“Un 30, un 20, una pietra bella grossa”: quando lo spaccio viaggia su Whatsapp

Arrestato un uomo che gestiva i suoi clienti tramite messaggi a Torre del Greco

Nelle prime ore di oggi i carabinieri della compagnia di Torre del Greco hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Torre Annunziata nei confronti di una persona gravemente indiziata del reato di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina. L'attività investigativa, condotta dai militari della Sezione Operativa di Torre del Greco e diretta dalla Procura di Torre Annunziata, è scaturita a seguito dell'arresto in flagranza dell'odierno indagato che, lo scorso 28 dicembre, era stato sorpreso dai carabinieri mentre cedeva una dose di sostanza stupefacente del tipo cocaina ad un acquirente non identificato nei pressi della propria abitazione in Torre del Greco.

In quell'occasione, l'uomo era stato trovato in possesso di due grammi di cocaina, nonché di materiale per il confezionamento ed il taglio della sostanza stupefacente, e di alcune banconote, ritenute provento dell'attività di spaccio. Le indagini successive, basate sull'analisi forense del telefono dell'indagato, hanno consentito di accertare l'esistenza di un'intensa attività di spaccio di cocaina, gestita in prima persona dall'indagato e che aveva luogo nella città del corallo.

L'abitazione dell'indagato, infatti, era stata trasformata in una vera e propria base domestica di spaccio, ove egli riceveva gli ordini di acquisto dai propri clienti tramite Whatsapp, accordandosi per la consegna — anche "a domicilio". "Un 30", "un 20", "una bella pietra" erano i termini convenzionali utilizzati dal pusher e i suoi acquirenti per indicare la cocaina. Si scambiavano messaggi su Whatsapp e nel giro di pochi minuti lo stupefacente veniva recapitato a qualsiasi ora del giorno e della notte. Per effettuare le consegne, molte delle quali avvenute in orario notturno nonostante le restrizioni del lockdown, l'uomo si serviva di un motorino. Dalle chat è emerso un giro di affari rilevante: almeno quindici episodi di spaccio nel giro di quattro giorni. All'indagato — attualmente recluso per altra causa nel carcere di Poggioreale — è stata quindi notificata la nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Un 30, un 20, una pietra bella grossa”: quando lo spaccio viaggia su Whatsapp

NapoliToday è in caricamento