Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In coma dopo il vaccino, il figlio di Sonia Battaglia: "Aiutateci a salvarla"

"Mia madre era una donna sana, che non aveva problemi di salute. Vogliamo la verità. Chiunque sappia come curarla ci contatti", è l'appello lanciato da Raffaele

 

Sonia Battaglia, 54 anni, è ancora ricoverata in gravi condizioni all'Ospedale del Mare. Il primo marzo si è sottoposta al vaccino AstraZeneca, lotto ABV5811, poi ritirato in tutta Italia. Il giorno dopo il vaccino stava bene e si è anche recata al lavoro, ma nei giorni successivi le sue condizioni sono via via peggiorate. Al momento non è stata provata alcuna correlazione tra la dose somministrata e l'emorragia cerebrale che l'ha colpita, seguita poi anche da un infarto.

NapoliToday ha raggiunto i due figli della donna, Mario e Raffaele, giunti al capezzale della madre all'Ospedale del Mare, con il loro papà. "Mia mamma attualmente è in coma in terapia intensiva. I medici stanno indagando su eventuali patologie pregresse che poteva avere, ma finora è stato escluso tutto. Noi siamo convinti che sia qualcosa scaturito dal vaccino viste le ultime scoperte. Ovviamente nessuno per ora può confermare questa nostra tesi, che non viene comunque neppure esclusa. Mia madre era una donna sana, che non aveva problemi di salute. I medici stanno facendo di tutto per salvarla, ma le sue condizioni di salute sono compromesse per le multi trombosi che l'hanno colpita. Facciamo un appello a chiunque si possa interessare al caso e che sappia come salvarla", spiega a NapoliToday Raffaele.

(Video di Alessandra De Cristofaro)

AstraZeneca ritirato

sonia-battaglia

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento