Sonde geotermiche nei cantieri della metro di Napoli: il nuovo progetto di ricerca

Il progetto è realizzato in collaborazione con partner accademici come l'Università degli Studi Parthenope, la Federico II di Napoli e l'Università degli Studi di Salerno

Cantieri metro Piazza Municipio (immagini di repertorio)

Dieci sonde geotermiche, distribuite tra due gallerie nei cantieri della Metropolitana di Piazza Municipio a Napoli, e collegate a un Energy Box che produce 22,5 kW di potenza termica e 21,9 kW di potenza frigorifera. Graded, Spa napoletana guidata da Vito Grassi e attiva da 60 anni nel mercato della progettazione, realizzazione e gestione di impianti di energia da fonti rinnovabili, darà il via nei prossimi giorni a uno tre Obiettivi di ricerca di "Geogrid" (Or5), progetto realizzato in collaborazione con partner accademici: l'Università degli Studi Parthenope, la Federico II di Napoli e l'Università degli Studi di Salerno.

Gli altri due obiettivi riguardano uno la ricerca pura (Or1) e l'altro (Or4) la realizzazione di un impianto di trigenerazione alimentato da fonte geotermica e solare. Le sonde geotermiche saranno collegate a una pompa di calore ("Energy Box"), completa di un sistema di gestione e monitoraggio di vari parametri come la temperatura dell'acqua all'interno delle sonde (5 a galleria, 10 in totale). Le gallerie coinvolte faranno l'una da "serbatoio" per il prelievo di energia termica e l'altra da "utenza" per cedere quanto ottenuto.

"Per essere precisi – spiega Vito Grassi – una galleria fungerà da set (caldo o freddo a seconda della stagione) e l'altra da utenza (fornirà energia termica o frigorifera, sempre a seconda della stagione o a discrezione di chi gestisce il sistema da utilizzare per le proprie ricerche)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'impianto, in questa fase, dunque, non sarà collegata nessuna utenza reale e l'energia elettrica prodotta non sarà ceduta al Gse, ma il progetto, realizzato a scopo di ricerca, consentirà di testare il condizionamento di una struttura di dimensioni maggiori di quelle di un'abitazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

  • Crollo a Pianura, operai sepolti sotto le macerie: due morti

  • "Questo assegno è coperto?": ma l'operatore di banca non sa che parla con il truffatore

Torna su
NapoliToday è in caricamento