menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Castellammare, sit-in delle donne in gonne contro Bobbio

Manifestazione pacifica accolta sulla piazza del municipio da due camionette di carabinieri in tenuta antisommossa. Sbarrato il passo a chi voleva assistere al consiglio comunale

Sono una cinquantina le donne che, davanti al Comune di Castellammare di Stabia, hanno partecipato ieri al sit-in organizzato dalle donne della sinistra contro il Regolamento di Polizia municipale che vieta gli "abiti succinti".

L'hanno definito il 'minigonna day', una protesta goliardica che, di ora in ora, si è fatta però sempre più complessa. Il sindaco Bobbio aveva infatti dato disposizione agli agenti di polizia municipale di identificare tutti i cittadini che varcavano il portone del Municipio, desiderosi di assistere al consiglio comunale. Tutti i divieti contenuti nel Regolamento della discordia, bocciato dalla Commissione statuto, sono stati violati per protesta dai manifestati riuniti davanti a Palazzo Farnese. Oltre alle minigonne è comparso pure un pallone e gli operai dell'Avis si sono messi a giocare a football, rigorosamente vietato dal Regolamento portato in discussione nell'aula consiliare.

Tra ragazzi che si sono messi a bere birra in piazza, per tentare di contravvenire alla limitazione disposta sull'uso degli alcolici fuori dai locali di somministrazione dopo le ore 22, è arrivato anche un giocoliere in minigonna.

Striscioni eloquenti - "Gli unici che sono in mutande sono i lavoratori di Castellammare" - e operai di Avis e Fincantieri che si sono uniti alla "Prima Giornata Stabiese della Minigonna" insieme a Stefania Gambardella e Nora Di Nocera dell'ADI (Associazione Donne Italiane) di Napoli. Come ha spegato Di Nocera: "Questo regolamento arriva dopo la chiusura del Centro di Contrasto agli Abusi e alla Violenza, in assenza di una commissione pari opportunità, dopo la chiusura del servizio di mammografia in città, dopo la cancellazione delle politiche sociali vere e senza informare sul finanziamento regionale di 1.300.000 euro per gli asili nido. Insomma, Castellammare sta diventando una città contro le donne".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento