Cronaca

De Magistris condannato per diffamazione: "Per me è una medaglia"

Sindaco sotto accusa per un'intervista del 2017

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, è stato condannato, in primo grado, per diffamazione. A diffondere la notizia è lo stesso primo cittadino, candidato alle regionali in Calabria, con un video sui social accompagnato dal post "Una condanna che per me è una medaglia per non essermi mai piegato al sistema". La diffamazione sarebbe ai danni di Salvatore Murone procuratore aggiunto a catanzaro quando de Magistris era sotituo procuratore. 

"Una sentenza di primo grado ingiusta che non posso accettare e che sono certo verrà riformata da magistrati autonomi e indipendenti". Dichiara il sindaco che, poi, spiega: "Durante la trasmissione Piazza pulita del 9 marzo 2017, in un’intervista, affermo che l’indagine Why Not mi fu sottratta illecitamente e che fui vittima di un sistema criminale che operò ai miei danni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dov’è la diffamazione? È provato dalla storia, dalle ultime dichiarazioni di Palamara. E come fa Murone a essere parte offesa di questo processo se in quella trasmissione non cito mai Murone e non fu lui a togliermi l’indagine?. Mai visto un processo per diffamazione dove il fatto non esiste e la parte offesa mai citata. È il bentornato in Calabria evidentemente. Non mi faccio mettere il bavaglio nè intimidire da nessuno. Il tempo sarà galantuomo anche in questo caso", ha concluso de Magistris.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Magistris condannato per diffamazione: "Per me è una medaglia"

NapoliToday è in caricamento