Grave lutto per il “Signor distruggere”: morto il padre

L'anziano aveva la febbre da una settimana e problemi respiratori ma non ha mai ricevuto un tampone

Grave lutto per Vincenzo Maisto, l'influencer conosciuto al grande pubblico del web come “Il Signor distruggere”. Lo ha lasciato, all'età di 75 anni il padre. È stato lui stesso a darne notizia con un post su Instagram nel quale ha spiegato in che condizioni si trovava il genitore e come si sono svolte le cose negli ultimi giorni. Quelli che con tutta probabilità sono i sintomi del Covid non avrebbero ricevuto l'assistenza necessaria visto che solo dopo una settimana è arrivato il test seriologico, risultato positivo. Non hanno fatto in tempo i familiari a ottenere il tampone che l'hanno trovato morto in casa. 

Il post su Instagram

Ringrazio tutti per i messaggi di condoglianze e affetto che sto ricevendo. Mio padre aveva 75 anni, era cardiopatico e diabetico. Da una settimana aveva la febbre a 38, il suo medico lo stava curando per una tracheite, ma non so se lo abbia mai realmente visitato. Ieri gli è stato fatto un sierologico che oggi pomeriggio ci hanno comunicato essere positivo, ma il sierologico non è il tampone e quest’ultimo post mortem non glielo faranno. Questa mattina ha chiamato mia sorella, che vive in una casa vicina con il marito, dicendole che non riusciva a respirare e che aveva le febbre alta. Il tempo impiegato da mia sorella per chiamare l’ambulanza e andare da lui per aprire la porta ai portantini ed è stato trovato morto seduto a terra nel bagno. Essendo io ateo, mia sorella atea, mio padre ateo e non essendo ipocriti, non ci sarà alcun funerale, ma solo la cremazione domani pomeriggio a Napoli. Ufficialmente, stando al certificato del medico presente questa mattina, è morto di insufficienza cardiaca. Questo è tutto, anche per colmare la morbosità di alcuni giornalisti a cui ho rifiutato diverse telefonate, perché dovevano sapere se era covid oppure no.

Ringrazio tutti per i messaggi di condoglianze e affetto che sto ricevendo. Mio padre aveva 75 anni, era cardiopatico e diabetico. Da una settimana aveva la febbre a 38, il suo medico lo stava curando per una tracheite, ma non so se lo abbia mai realmente visitato. Ieri gli è stato fatto un sierologico che oggi pomeriggio ci hanno comunicato essere positivo, ma il sierologico non è il tampone e quest’ultimo post mortem non glielo faranno. Questa mattina ha chiamato mia sorella, che vive in una casa vicina con il marito, dicendole che non riusciva a respirare e che aveva le febbre alta. Il tempo impiegato da mia sorella per chiamare l’ambulanza e andare da lui per aprire la porta ai portantini ed è stato trovato morto seduto a terra nel bagno. Essendo io ateo, mia sorella atea, mio padre ateo e non essendo ipocriti, non ci sarà alcun funerale, ma solo la cremazione domani pomeriggio a Napoli. Ufficialmente, stando al certificato del medico presente questa mattina, è morto di insufficienza cardiaca. Questo è tutto, anche per colmare la morbosità di alcuni giornalisti a cui ho rifiutato diverse telefonate, perché dovevano sapere se era covid oppure no.

Un post condiviso da Vincenzo Maisto (@ilsignordistruggere) in data:

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento