Cronaca

Sigaretta elettronica, i tabaccai fanno ricorso al Tar: "Bloccatene la vendita"

Le sigarette elettroniche sono "sigarette in forma liquida", quindi il loro commercio deve essere equiparato a quello dei tabacchi. Questa la tesi dell'Unione Tabaccai

La sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica, nell'anno del suo vero e proprio boom, continua a non trovare pace. Questa volta è finita nel mirino di UniontabItalia (Unione operatori del tabacco Italia, che conta più di 5 mila soci tra i tabaccao italiani), aderente a Confimprese. L'associazione ha infatti presentato un ricorso al Tar del Lazio per bloccarne la vendita. "Si tratta di un surrogato o, meglio, un modo di consumare nicotina, quindi di produrre sigarette senza cartina e in forma liquida", spiega Enzo Perrotta, presidente UniontabItalia. "Il prodotto contenente nicotina - spiega - va opportunamente tassellato dal Monopolio prevedendo l'accise come per le tradizionali sigarette. Le leggi che regolano la distribuzione dei tabacchi impongono ciò ma soprattutto impongono la distribuzione in maniera selettiva e ben definita".

Per l'associazione dei tabaccai "l'incertezza e la tardività dell'applicazione delle leggi esistenti sta portando un danno annuo all'erario di un miliardo di accise ed una forte danno ad una categoria fortemente provata anche dal contrabbando delle bionde che in un momento di crisi sta fortemente tornando alla ribalta per le strade di molte aree metropolitane". L'UniontabItalia, infine, riconosce che "il prodotto in questione arreca danno in misura minore della sigaretta tradizionale ma è certificato da diverse Università italiane che fa danno comunque ai consumatori".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sigaretta elettronica, i tabaccai fanno ricorso al Tar: "Bloccatene la vendita"

NapoliToday è in caricamento