rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022

Sgombero dell'Accademia. Gli studenti: "Calpestati i nostri diritti"

Blitz della Digos all'alba. La struttura era occupata da circa un mese: "Abbiamo chiesto un confronto con il direttore che si è sempre negato. Ci siamo presi cura di un bene abbandonato a se stesso".

Gli agenti sono entrati nell'Accademia di Belle Arti alle 6 del mattino. Avevano le chiavi, quindi non è stata necessaria un'irruzione. All'interno, dormivano diciassette di studenti, parte del collettivo che da circa un mese aveva occupato la struttura

Sulla testa dei  manifestanti pendono tre capi d'accusa: occupazione di bene pubblico, utilizzo improprio di bene culturale e danneggiamento. Accuse rigettate dagli studenti: "Ci siamo presi cura di un bene altrimenti abbandonato. Abbiamo svolto attività e laboratori. Non c'è alcun danno". 

La protesta nasce da lontano e solo in parte è stata inasprita dalla pandemia. "I prolemi sono tanti. Non si può praticare l'arte a distanza e dopo un anno non esiste ancora un piano per il rientro. Abbiamo solo due appelli d'esame all'anno. La biblioteca è utilizzabile solo per poche ore a settimana. Abbiamo chiesto più volte un incontro al direttore e c'è stato sempre negato". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Sgombero dell'Accademia. Gli studenti: "Calpestati i nostri diritti"

NapoliToday è in caricamento