Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca Pozzuoli

Bradisismo, gli sfollati devono lasciare gli alberghi (e non hanno dove andare)

Da stamattina sono partite le telefonate: entro nove giorni devono trovarsi una sistemazione autonoma. Ma i prezzi degli affitti sono improvvisamente schizzati alle stelle

Potrebbe essere a una svolta - per niente positiva - la situazione degli sfollati puteolani, i residenti del comune flegreo che hanno dovuto lasciare le loro abitazioni in seguito ai danni dovuti alla pesante scossa bradisismica dello scorso 20 maggio.

Sono partite infatti stamane le prime telefonate dirette ai "fortunati", tra loro, che hanno avuto da allora la possibilità di venire ospitati in strutture alberghiere: gli è stato detto che il 30 giugno dovranno lasciare la soluzione abitativa provvisoria in cui si trovano. Scade la convenzione tra Regione e Federalberghi, e quindi le strutture ricettive dovrebbero per loro essere off-limits. Dovrebbero - puntualizziamo - anche perché diversi alberghi pare si stiano informando sulle necessità di persone che non riescono a trovare una soluzione.

Soluzioni proposte e criticità

Dove andranno gli sfollati? Le soluzioni all'orizzonte per chi non ha un'altra casa di proprietà o qualcuno che possa ospitarli sono soprattutto - per chi ha bambini o anziani nel nucleo familiare - particolarmente complesse. Oltre l'estrema ratio Palatrincone di Monterusciello, c'è quella del "contributo per l'autonomia sistemazione" autorizzato la scorsa settimana dalla Regione Campania. Soldi insomma, erogati in base al numero di persone che compongono la famiglia, per pagare un affitto.

Anche in questo caso non mancano però le criticità. Innanzitutto non è chiaro quando questi contributi verranno erogati. La Regione parla di un accesso possibile "previo espletamento delle necessarie verifiche istruttorie" da parte dei Comuni di residenza, ma oggi è il 21 giugno ed è difficile immaginare che tutto questo, nonché l'erogazione concreta dei fondi, possa avvenire da qui al "fuori tutti" dagli alberghi previsto tra soli 9 giorni.

La speculazione dei proprietari

Poi c'è il triste problema della speculazione abitativa. Il prezzo degli affitti degli appartamenti nella fascia immediatamente esterna alla zona flegrea è in crescita vertiginosa, dato che qualcuno evidentemente ha fiutato l'affare. Appartamenti spesso e volentieri peraltro da ammobiliare, laddove chi ha dovuto lasciare le proprie case in fretta e furia non ha più accesso ai propri mobili e quindi non può traslocarli. Ancora, appartamenti spesso e volentieri dati in affitto per soli 6 mesi, periodo breve che sicuramente tutela i proprietari ma che non dà il minimo senso di sicurezza e tranquillità a chi sta già vivendo un periodo complesso.

"Il 30 giugno l’ordine è 'tutti fuori' - lamenta Pozzuoli ORA!, all'opposizione nel Consiglio comunale puteolano - I cittadini attualmente collocati presso strutture alberghiere sono stati informati che dovranno lasciare l’attuale sistemazione tra soli nove (!) giorni. Probabilmente chi sta gestendo queste operazioni non ha mai dovuto cercare una casa in fitto e non conosce le difficoltà. Non è certamente accettabile che, in una situazione del genere, le Istituzioni deleghino le risoluzioni dei problemi ai rapporti tra privati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bradisismo, gli sfollati devono lasciare gli alberghi (e non hanno dove andare)
NapoliToday è in caricamento