Sequestrata sala giochi clandestina ai decumani

All'interno della sala giochi di via Tribunali venivano svolte attività non autorizzate: raccolta scommesse senza autorizzazione, gioco d'azzardo, videopoker e giochi su corse di cani simulati

Videopoker

Ieri pomeriggio, gli agenti del Commissariato di Polizia Decumani, hanno sequestrato, in Via Tribunali, un locale di circa 150 m.q. in quanto utilizzato come sala da giochi abusiva, raccolta scommesse senza autorizzazione, gioco d’azzardo, videopoker e giochi su corse di cani simulati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il controllo ai locali, formalmente adibiti a circolo ricreativo, è avvenuto nell’ambito di un servizio appositamente istituito per il contrasto al fenomeno delle scommesse clandestine nei Decumani. Il titolare, un pregiudicato 57enne del Quartiere San Lorenzo, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria. Oltre all’intero locale, i poliziotti di Decumani hanno sequestrato 11 slot machines, 2 tavoli per video poker, un apparecchio crazy dog, numerosi pc e stampanti di cui alcune per le ricevute di gioco, una macchina cambia soldi, 279 euro in contanti, 20 mazzi di carte da gioco ed oltre 1500 fiches.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento