menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vendevano pesce avariato, denunciate tre persone

Sequestrati 62 chili di pesce a tre abusivi di via Caracciolo. I venditori sono stati denunciati a piede libero

Sessantadue chili di pesce e molluschi in pessime condizioni venduti ai bordi della strada. Finiscono nei guai tre persone denunciate a Torre Annunziata dai carabinieri della stazione oplontina. I militari, agli ordini del luogotenente Egidio Valcaccia, hanno condotto un'operazione di contrasto alla vendita abusiva di pesce e mitili denunciando due uomini di Torre Annunziata e uno di Boscoreale. I tre sono stati sorpresi a vendere pesce in pessimo stato di conservazione nel centro storico cittadino. Gli uomini rispettivamente di 64, 45 e 62 anni sono stati fermati a via Caracciolo e sulla propria bancarella abusiva vendevano una grossa quantità di pesce e molluschi in condizioni sanitarie precarie.

Inoltre erano sprovvisti di ogni tipo di autorizzazione alla vendita e sono incorsi subito sia nelle sanzioni amministrative che in quelle penali. Tutti sono già noti alle forze dell'ordine e sono stati denunciati. Restano a disposizione dell'autorità giudiziaria per gli sviluppi del caso. I prodotti sono stati sottoposti immediatamente sotto sequestro. Sul posto sono intervenuti anche gli uomini della Capitaneria di porto che hanno poi provveduto alle operazioni di distruzione degli alimenti. L'operazione rientra nella serie di attività che i militari dell'Arma conducono periodicamente in collaborazione con i colleghi agli ordini del comandante Valerio Massimo Acanfora.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dramma a Sanremo: morta la mamma del maestro Campagnoli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento