rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca

Una petroliera napoletana nelle mani dei pirati: è la "Enrico Ievoli"

La cattura al largo delle coste dell'Oman. La nave è dell'armatore Marnavi di Napoli. La conferma della Farnesina. A bordo 18 persone, sei sono siciliani

Solo pochi giorni fa la fine dell'incubo per la Savina Caylyn. Adesso, un'altra nave italiana è stata attaccata dai pirati al largo dell'Oman.

Secondo quanto si è appreso si tratta della "Enrico Ievoli" dell'armatore Marnavi di Napoli. Un gruppo di pirati sarebbe riuscito a salire a bordo prendendo possesso dello scafo.

La Farnesina ha confermato il sequestro della motonave italiana Ievoli al largo dell'Oman, e "attraverso l'Unità di crisi si mantiene in stretto contatto con la Marina militare e con l'armatore per seguire da vicino gli sviluppi della vicenda".

L'equipaggio è composto da diciotto persone di cui sei italiani, tutti siciliani. Secondo quanto confermato dall'armatore Domenico Ievoli, a bordo della nave ci sono anche cinque marinai ucraini e sette indiani.

"I pirati sono a bordo ma noi stiamo tutti bene". Queste le parole di Agostino Musumeci, il comandante della Ievoli. A riferire il contenuto della telefonata è stato l'armatore e amministratore delegato della Marnavi Spa.

UN CASO PRECEDENTE NEL 2006 - La "Enrico Ievoli" ha già avuto a che fare con i pirati. Era il marzo 2006: il cargo era in navigazione al largo delle coste yemenite di Aden quando si avvicinarono alcuni barchini con presunti pirati a bordo. Il comandante della motonave aveva dato l'allarme ed era intervenuta in soccorso una unità della Marina militare italiana, la fregata Euro, che si trovava in zona.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una petroliera napoletana nelle mani dei pirati: è la "Enrico Ievoli"

NapoliToday è in caricamento