menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Opificio

Opificio

Operai "in nero" e clandestini, nei guai imprenditore del Napoletano

L'uomo, un 30enne di Sant'Antimo, si è visto sequestrato l'opificio. Dovrà pagare una sanzione superiore ai 100mila euro

Denunciato oggi un imprenditore 30enne di Sant’Antimo, amministratore di un opificio tessile in via Piave di Casandrino. L'uomo è ritenuto dai carabinieri responsabile di violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e di impiego di manodopera clandestina.

Nel corso di un'ispezione nella sua fabbrica, i militari hanno trovato al lavoro 21 lavoratori, 16 dei quali in "nero" e nove dei quali privi di permesso di soggiorno.

La multa per l'imprenditore è salatissima: 139mila e 709,80 euro di sanzioni penali, e sanzioni amministrative per 62mila e 600. Sottoposti a sequestro penale 28 macchinari per la produzione di abiti e il locale, di 102 metri quadri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Galleria Vittoria, presidio del Pd: "Napoli deve tornare percorribile"

  • Cronaca

    Scavi di Pompei, emerge un carro cerimoniale perfettamente conservato

  • Politica

    De Magistris e il futuro della città: "Sono molto preoccupato"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento