menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non versavano le ritenute ai dipendenti: sequestrato oltre mezzo milione di euro

Protagonista una ditta che si occupa di smaltimento di rifiuti con sede a Sant'Antonio Abate

Tra il 15 e il 16 marzo il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, anche per equivalente, di beni del valore di oltre 1.200.000 euro, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della procura oplontina, nei confronti di una società di Sant'Antonio Abate operante nel settore della raccolta di rifiuti. A carico della società e del suo rappresentante legale sono stati sequestrati euro 368.692,88 di somme liquide giacenti su diversi conti correnti e tre immobili (di cui due box e un appartamento) per il valore stimato di euro 151.200,00, per complessivi euro 519.892,88.

Il provvediment deriva dagli accertamenti di natura economico-finanziaria svolti dalla compagnia della guardia di finanza di Castellammare di Stabia, avviati a seguito di un'attività ispettiva di carattere fiscale che ha permesso di accertare che la società destinataria del sequestro ha omesso il versamento di ritenute nei confronti dei propri dipendenti per lo stesso importo. La condotta illecita, oltre all'indebito risparmio d'imposta, ha consentito alla società di collocarsi sul mercato in una posizione di assoluto rilievo e di privilegio nello specifico settore commerciale, provocando effetti distorsivi sulla concorrenza, particolarmente dannosi nell'attuale periodo di crisi economica. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento