Arzano, quintali di carciofi sequestrati e distrutti

Sequestrati carciofi a quattro ambulanti: gli ortaggi erano sporchi, lavati in tinozze in condizioni precarie, cotti su bracieri lerci. Nessuna indicazione sulla provenienza

(foto di repertorio)

Ad Arzano, nell’ultima settimana, i carabinieri della tenenza locale hanno sequestrato circa 280 chili di carciofi cotti e venduti per strada. Gli ortaggi molto spesso vengono nascosti nei terreni vicino al luogo in cui sono venduti e quando vengono cotti sono ancora sporchi di terra; molti sono anche attaccati dalla muffa. In ogni caso tutti sono privi di un’etichettatura che ne indichi la provenienza.

I 280 chili di carciofi sono stati sequestrati a 4 ambulanti che li vendevano nei pressi della “rotonda di Arzano” e su via Atellana. Molti ortaggi, ancora da cuocere, erano sporchi, altri erano stati messi in tinozze piene d’acqua perché si ammorbidissero ma in condizioni di igiene precaria; i bracieri di cui gli ambulanti si servivano inoltre sono risultati sporchi e non omologati alla normativa sanitaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La merce, pericolosa per la salute, è stata sequestrata e distrutta tramite la ditta di smaltimento rifiuti del comune mentre i 4 ambulanti sono stati denunciati per violazione delle norme sulla vendita degli alimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento